Stoccolma, città della luce

Stoccolma, città della luce

La capitale della Svezia è ricca di storia, di cose da fare e da vedere, soprattutto in estate quando c'è il sole a mezzanotte e la vita notturna si anima.

Metropoli green e piena di fascino, la capitale svedese è una sorta di Venezia del nord; sorge infatti su 14 isole che dal lago Mälaren si protendono verso oriente, sul Mar Baltico. Gli edifici e i palazzi, la ricca storia culturale e i musei raccontano le meraviglie dei 700 anni di storia di Stoccolma, tra monumenti medievali, canali navigabili, isole, parchi e natura incontaminata a un passo dal centro. L’estate è proprio il momento dell’anno adatto per visitare Stoccolma: non solo perchè il clima è caldo e mite per tutto giugno e luglio, ma anche perchè con il “sole di mezzanotte” la luce sembra non finire mai.

Magica capitale della Svezia

La visita “classica” di Stoccolma parte dal centro più antico e affascinante, la città vecchia di Gamla Stan. In essa sono racchiusi i tanti secoli di storia che fanno capolino qua e la tra le stradine medievali, gli edifici ricurvi ma perfettamente conservati, il Palazzo Reale, le chiese gotiche, le caffetterie e i negozi di oggettistica del famosissimo design svedese. Insediamento più antico di Stoccolma, il nucleo originale risale al XIII secolo, Gamla Stan comprende l’isola di Stadsholmen e gli isolotti di Riddarholmen, Helgeandsholmen e Strömsborg. È un vero dedalo di stradine medievali, vicoli, facciate color senape e ruggine e piazze, in puro stile scandinavo. La sua piazza principale Stortorget è posta proprio al centro e si trova a fianco delle principali attrazioni del centro, ovvero il Palazzo Reale in stile barocco e la Cappella Reale, Storkyrkan.

La Regalskeppet Vasa, un galeone svedese che affondò durante il suo viaggio inaugurale nell'agosto del 1628

Arte, design, ricette e… Nobel

Oggi la città vecchia è davvero la principale attrazione turistica di Stoccolma anche grazie alle sue caffetterie, ai ristoranti, ai negozi di souvenir, ai laboratori artistici, alle gallerie e ai musei, tra i quali spicca il Museo Nobel, dedicato alla storia dei vincitori del famoso premio che viene consegnato ogni anno proprio a Stoccolma. Una curiosità che però non tutti sanno è che Gamla Stan per diversi decenni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, è stata un quartiere pericoloso e malfamato. Oggi invece ospita alcune perle imperdibili come ad esempio al Den Gyldene Freden, il più antico ristorante della capitale che conserva gli arredi originali neoclassici e serve solo piatti della tradizione svedese.

Una storia alla luce del sole

Tra le isole di Stoccolma - attraverso le quali ci si può spostare comodamente in bicicletta sopra i ponti oppure in barca, a vela o a motore - le cose da non perdere sono tante e comprendono anche tre particolari musei. Il primo è il Museo d'Arte Moderna all’interno del quale sono conservate alcune delle migliori collezioni al mondo di arte del XX e XXI secolo. Il secondo della lista è invece lo Skansen, il “museo all’aperto”. È una sorta di parco faunistico nel quale sono ricostruite anche le abitazioni rurali della Svezia del Novecento. Non mancano nemmeno uno zoo e un acquario. E proprio a due passi da Skansen c’è il terzo luogo da non perdere: il Museo Vasa. Al suo interno è impossibile non restare a bocca aperta alla vista dell’omonimo Vasa, un vascello in legno del XVI secolo ripescato dalle acque del lago Mälaren dove era affondato. È stato restaurato in modo talmente perfetto che ci si aspetta di vederlo prendere il mare con la sua ciurma da un momento all’altro.

Il molo di Stoccolma con delle barche ormeggiate

La movida è tutta da scoprire

Per conoscere davvero Stoccolma però bisogna capirne gli usi e i costumi girando per locali all’ora dell’aperitivo e fino a tarda sera. Giovane, cosmopolita e disinibita, infatti la capitale svedese offre tantissime opportunità per divertirsi, bere bene e fare un aperitivo che nel bicchiere e nel piatto rispecchi le bellezze del Paese scandinavo. Il primo indirizzo è quello del popolare Pelikan che nasce come ristorante specializzato nei piatti della cucina casalinga svedese, ma che ospita anche un giovane e artistico bar frequentato tutta la settimana. Aperto addirittura dal 1906 e citato nella mitica trilogia di romanzi gialli “Millennium” di Stieg Larsson, Kvarnen è il locale ideale per chi ama gli ambienti informali e rilassati, perché unisce una birreria, un bistrot di cucina tipica e un ampio dehor all’aperto perfetto per trascorrere l’ora dell’aperitivo delle lunghissime serate estive. Chi infine cerca un’atmosfera più trendy e alla moda trova l’Acustic Bar dello Scandic Grand Central è l’indirizzo giusto per bere cocktail di alto livello ascoltando musica dal vivo.