Tendenza cocktail i robot barman sbarcano a Las Vegas

Tendenza cocktail i robot barman sbarcano a Las Vegas

La nuova tendenza dell’aperitivo in questa stagione sono i robot barman, ecco la loro storia.

I robot barman arrivano negli States e sono la nuova tendenza cocktail del momento

Chi sono i robot barman e cosa ci fanno a Las Vegas? La cosa che piace di più quando si arriva in un locale, è la certezza che i bartender e le loro competenze, siano perfette per assecondare le nostre richieste. Che si tratti di un drink alcolico o di un cocktail analcolico, i bartender riescono sempre a portare nel bicchiere un’esperienza di gusto unica.
Per questa ragione, potrebbe lasciarvi a bocca aperta scoprire che, all’interno del Tipsy Bar di Las Vegas i bartender non esistono e al loro posto ci sono i robot barman che sono capaci di stupire. Il motivo è presto detto.
Queste braccia meccaniche, sono in grado di preparare ben 120 bicchieri all’ora e di creare 60 cocktail differenti con una facilità estrema. Programmati per eseguire ciò che fa un bartender, questi robot sono una delle ultime tendenze in fatto di cocktail!

I cocktail dei robot barman

Affiancati da otto baristi, questi due robot del Tipsy Bar hanno una storia tutta italiana: sono stati creati a Torino nell’azienda Makr Shark e il CEO di Robotic Innovation, Rino Armeni, ha deciso di esportare i due robot a Las Vegas all’interno del locale da lui gestito. Rendendoli protagonisti indiscussi del bar americano, Armeni ha coniugato la sua passione per la ristorazione a quella per la tecnologia e il risultato ha sicuramente fatto discutere tutto il mondo.

Come agiscono i robot barman? Non occorrerà altro se non fare la propria ordinazione su un iPad posizionato in ogni tavolo del locale: una volta ricevuta la richiesta, i robot riescono in maniera del tutto autonoma a creare i cocktail richiesti, lasciando a bocca aperta la clientela tutta.
Se da un lato i bartender e gli addetti ai lavori sono molto scettici sulla presenza dei robot barman, ad apprezzare particolarmente le loro doti e la loro velocità, sono soprattutto gli ospiti del Tipsy Bar che hanno giudicato in maniera eccellente il lavoro. I robot barman arriveranno anche in Italia? Non occorre che attendere

Nonostante l’entusiasmo trascinante della clientela servita dai robot barman e nonostante le rassicurazioni di chi dice che mai e poi mai potranno prendere il posto dei bartender e dei baristi professionisti, non si può certamente restare indifferenti a questa nuova tendenza in fatto di cocktail.

Potrà mai un robot prendere il posto di chi conosce i nostri gusti, di chi ama sperimentare e creare, di chi ha fatto della propria passione per la mixologia una professione? A voi la risposta…